Senti odore di cloro in piscina? La causa non è l’eccesso di cloro!

Una delle problematiche più frequenti in piscina è un eccessivo odore di cloro.

La crisi mondiale ha colpito la maggior parte dei settori economici, ma ci sono alcuni settori, come quello dell'enologia, che non hanno risentito della crisi finanziaria e hanno continuato a produrre notevoli profitti. Secondo dei dati statistici provenienti direttamente dalla Coldiretti, gli occupati nel settore enologico sono cresciuti piu' del 50% negli ultimi dieci anni. La professione dell'enologo e' molto interessante, e sempre piu' giovani decidono di intraprendere un corso di studi per imparare tutte le nozioni teoriche e pratiche necessarie. Ma qual'e' il percorso di studi piu' indicato per diventare un enologo? Fortunatamente l'Italia, una delle capitali mondiali del vino, non ha problemi nell'educazione di questo settore, e per cominciare e' sufficiente iscriversi ad una facolta' universitaria di Agraria, con indirizzo "Viticoltura ed Enologia". La laurea breve da 3 anni comunque non basta per diventare un buon enologo, bisogna anche frequentare dei corsi di specializzazione, master e di aggiornamento. Oggigiorno c'e' molta concorrenza sul mercato, e per crearsi una buona posizione e' necessario studiare molto e avere anche quanti piu' contatti possibili con le Aziende Agricole. Un enologo solitamente e' un libero professionista dotato di partita IVA che offre la propria consulenza alle Aziende Agricole. L'enologo ha il compito di controllare il totale rispetto delle norme igieniche dello stabilimento, il corretto funzionamento delle macchine, la struttura dell'edificio (umidita' nell'aria, presenza di ossigeno, eccetera...), oltre a gestire personalmente le fasi del processo di trasformazione, produzione e invecchiamento del vino. La professione di enologo e' ufficialmente riconosciuta in Italia, Francia, Spagna e Svizzera, e a breve lo sara' anche in Germania, Cina, Brasile e Cile.

cloro in piscina

Quando lo avvertono, sono in molti a pensare erroneamente che sia dovuto ad un eccesso di disinfettante. In realtà è proprio l’opposto.

Qual è la causa del forte odore di cloro in piscina? Anche se il buon senso ti fa pensare che potresti avere ecceduto con i prodotti chimici, il problema è l’esatto contrario. L’odore intenso di cloro, infatti, la maggior parte delle volte è dovuto ad una carenza di cloro stesso. Può darsi che ti sia dimenticato di versare le sostanze per la disinfezione o che ti sia sbagliato sul dosaggio, ma per difetto, non per eccesso. Basta davvero poco e l’odore si fa subito sentire.

La clorazione d’urto risolve subito il problema Una volta che te ne sei accorto, è meglio correre ai ripari. Per fortuna non si tratta di un danno grave, ma se non viene affrontato in tempo, i parametri sballati dell’acqua possono portare alla comparsa di alghe e depositi poco piacevoli. Puoi facilmente risolvere l’inconveniente con una clorazione d’urto. Ecco quali passi devi seguire:

  1. Il controllo dei filtri. Per prima cosa, vale la pena dare un’occhiata ai filtri e procedere con un controlavaggio.
  2. La regolazione del pH. Per facilitare l’ossidazione e rendere il trattamento d’urto più efficace, abbassa il livello del pH portandolo a 7.
  3. Il dosaggio del disinfettante. Esistono diversi prodotti in commercio, uno tra i più diffusi è il Discloroisocianurato di Sodio. Per la superclorazione è necessaria una dose massiccia di disinfettante, per non sbagliare leggi con attenzione le indicazioni riportate sulla confezione.
  4. La filtrazione dell’acqua. Per rendere omogenea l’azione del disinfettante su tutta la superficie dell’impianto attiva i filtri per 24 ore.

Prima di tuffarti, ricordati di controllare i parametri e di verificare che il valore del cloro libero sia stabilizzato sotto 1,00 ppm.

In futuro, per evitare fastidiosi problemi, dedicati con costanza alla gestione della piscina. Basta poco tempo, purché le attività di pulizia e monitoraggio dei valori vengano svolte con precisione. In questo modo garantirai ai tuoi cari una balneazione sicura e salvaguarderai il tuo impianto.

Via