Wedding Planner e matrimonio, è sempre meglio fare da soli?

La crisi mondiale ha colpito la maggior parte dei settori economici, ma ci sono alcuni settori, come quello dell'enologia, che non hanno risentito della crisi finanziaria e hanno continuato a produrre notevoli profitti. Secondo dei dati statistici provenienti direttamente dalla Coldiretti, gli occupati nel settore enologico sono cresciuti piu' del 50% negli ultimi dieci anni. La professione dell'enologo e' molto interessante, e sempre piu' giovani decidono di intraprendere un corso di studi per imparare tutte le nozioni teoriche e pratiche necessarie. Ma qual'e' il percorso di studi piu' indicato per diventare un enologo? Fortunatamente l'Italia, una delle capitali mondiali del vino, non ha problemi nell'educazione di questo settore, e per cominciare e' sufficiente iscriversi ad una facolta' universitaria di Agraria, con indirizzo "Viticoltura ed Enologia". La laurea breve da 3 anni comunque non basta per diventare un buon enologo, bisogna anche frequentare dei corsi di specializzazione, master e di aggiornamento. Oggigiorno c'e' molta concorrenza sul mercato, e per crearsi una buona posizione e' necessario studiare molto e avere anche quanti piu' contatti possibili con le Aziende Agricole. Un enologo solitamente e' un libero professionista dotato di partita IVA che offre la propria consulenza alle Aziende Agricole. L'enologo ha il compito di controllare il totale rispetto delle norme igieniche dello stabilimento, il corretto funzionamento delle macchine, la struttura dell'edificio (umidita' nell'aria, presenza di ossigeno, eccetera...), oltre a gestire personalmente le fasi del processo di trasformazione, produzione e invecchiamento del vino. La professione di enologo e' ufficialmente riconosciuta in Italia, Francia, Spagna e Svizzera, e a breve lo sara' anche in Germania, Cina, Brasile e Cile.

Wedding Planner

Il matrimonio è il giorno più bello della vita di ogni donna. Dopo l’euforia iniziale, gli sposi devono però far fronte a una serie di preparativi che spesso non possono essere conciliati agli impegni di lavoro. Già da qualche tempo a questa parte, le coppie che decidono di convolare a giuste nozze decidono di rivolgersi a una figura d’importazione americana: il wedding planner.

Questa figura professionale, vero e proprio guru del matrimonio, è inserita all’interno di un’agenzia che si occupa di organizzare il giorno delle nozze in tutti i più piccoli dettagli, evitando stress e perdite di tempo. Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, il wedding planner svolge un lavoro piuttosto complesso, soprattutto nella gestione delle richieste degli sposi, spesso molto esigenti.

Le agenzia di Wedding Planning possono contare su uno staff altamente qualificato che saprà trovare le soluzioni più adeguate alle richieste dei futuri sposi, esattamente come farebbero loro stessi. Il vantaggio di rivolgersi a un Wedding Planner a Milano o in qualsiasi altra città è proprio quello di evitare gli aspetti negativi dell’organizzazione del matrimonio, tra cui non mancano le difficoltà di gestione e la mancanza di creatività.

Sono ancora in molti a diffidare delle agenzie di Wedding Planning, preferendo invece l’affiancamento di parenti e amici. Tuttavia, vi sono degli aspetti che vanno necessariamente considerati. I futuri sposi spesso non conoscono a pieno le difficoltà legate all’organizzazione di una giornata così importante. Il wedding planner interviene in risposta a tutte le esigenze degli sposi, trasformando qualcosa di apparentemente irrealizzabile in un evento fuori dal comune.

L’aspetto più temuto dell’assistenza di un wedding planner è senza dubbio quello economico. Eppure, affidarsi a un professionista spesso non è più dispendioso che fare da sé. Lo sforzo in termini economici è certamente proporzionale alle richieste dei futuri sposi, che dovranno essere commisurate alle proprie finanze.