Concorso per insegnanti di asili nido

Il Comune di Vicenza bandisce nuova iniziativa per la formazione di una graduatoria per insegnanti di asili nido.

La crisi mondiale ha colpito la maggior parte dei settori economici, ma ci sono alcuni settori, come quello dell'enologia, che non hanno risentito della crisi finanziaria e hanno continuato a produrre notevoli profitti. Secondo dei dati statistici provenienti direttamente dalla Coldiretti, gli occupati nel settore enologico sono cresciuti piu' del 50% negli ultimi dieci anni. La professione dell'enologo e' molto interessante, e sempre piu' giovani decidono di intraprendere un corso di studi per imparare tutte le nozioni teoriche e pratiche necessarie. Ma qual'e' il percorso di studi piu' indicato per diventare un enologo? Fortunatamente l'Italia, una delle capitali mondiali del vino, non ha problemi nell'educazione di questo settore, e per cominciare e' sufficiente iscriversi ad una facolta' universitaria di Agraria, con indirizzo "Viticoltura ed Enologia". La laurea breve da 3 anni comunque non basta per diventare un buon enologo, bisogna anche frequentare dei corsi di specializzazione, master e di aggiornamento. Oggigiorno c'e' molta concorrenza sul mercato, e per crearsi una buona posizione e' necessario studiare molto e avere anche quanti piu' contatti possibili con le Aziende Agricole. Un enologo solitamente e' un libero professionista dotato di partita IVA che offre la propria consulenza alle Aziende Agricole. L'enologo ha il compito di controllare il totale rispetto delle norme igieniche dello stabilimento, il corretto funzionamento delle macchine, la struttura dell'edificio (umidita' nell'aria, presenza di ossigeno, eccetera...), oltre a gestire personalmente le fasi del processo di trasformazione, produzione e invecchiamento del vino. La professione di enologo e' ufficialmente riconosciuta in Italia, Francia, Spagna e Svizzera, e a breve lo sara' anche in Germania, Cina, Brasile e Cile.

insegnamento3

Il Comune di Vicenza ha dato il via a un avviso di selezione pubblica per la formazione di una graduatoria per l’assunzione a tempo determinato, pieno o part-time, di personale educatore negli asili nido.

La valutazione, per soli titoli, è relativa ai candidati in possesso di uno dei seguenti titoli di studio:

  • diploma di vigilatrice d’infanzia
  • diploma di puericultrice
  • diploma di scuola magistrale di grado preparatorio (diploma di maestra d’asilo)
  • diploma di abilitazione all’insegnamento nelle scuole di grado preparatorio
  • diploma di qualifica di assistente per l’infanzia
  • diploma di qualifica di operatore dei servizi sociali
  • diploma di istituto magistrale (maturità magistrale)
  • diploma di maturità rilasciato dal liceo socio-psico-pedagogico
  • diploma di maturità di assistente di comunità infantile
  • diploma di maturità per tecnico dei servizi sociali
  • diploma di maturità di tecnico per i servizi sociali- indirizzo esperto in attività ludico espressive
  • diploma di dirigente di comunità
  • diploma di liceo pedagogico-sociale
  • diploma di liceo socio-psico-pedagogico brocca (no indirizzo linguistico)
  • diploma di liceo delle scienze sociali
  • diploma di liceo delle scienze umane
  • diploma “progetto Egeria”
  • diploma liceo della comunicazione-opzione sociale
  • diploma I.P.S. indirizzo “servizi socio-sanitari”
  • diploma di laurea in pedagogia (vecchio ordinamento)
  • diploma di laurea in scienze dell’educazione (vecchio ordinamento)
  • diploma di laurea in scienze della formazione primaria (vecchio ordinamento)
  • diploma di laurea in psicologia (vecchio ordinamento)
  • lauree di I e II livello rilasciate dalla facoltà di psicologia e dalla facoltà di scienze della formazione.

In aggiunta, i candidati dovranno essere in possesso dei seguenti requisiti:

  • cittadinanza italiana o di uno degli Stati membri dell’Unione Europea
  • godimento dei diritti politici anche nello Stato di appartenenza o di provenienza;
  • adeguata conoscenza della lingua italiana;
  • pieno godimento dei diritti politici;
  • compimento del 18° anno di età;
  • idoneità fisica all’impiego e allo svolgimento delle mansioni di educatore asili nido;
  • assenza di condanne penali, anche non definitive, e di procedimenti penali in corso, per reati che
    impediscono, ai sensi delle vigenti disposizioni, la costituzione del rapporto di impiego con la
    Pubblica Amministrazione;
  • non essere stati destituiti o dispensati dall’impiego presso una Pubblica Amministrazione; non
    essere stati licenziati per giusta causa o per giustificato motivo oggettivo; non essere stati
    dichiarati decaduti da un impiego pubblico per aver conseguito l’impiego stesso mediante la
    produzione di documenti falsi o viziati da invalidità non sanabile;
  • adempimento degli obblighi di leva (solo per i cittadini italiani soggetti a tali obblighi);
  • pagamento della tassa di concorso.

Per poterne sapere di più su remunerazione e modalità di candidatura, vi consigliamo di consultare il bando integrale, qui disponibile in formato pdf.