Nuovo concorso Olivetti Design Contest, ecco come partecipare

La crisi mondiale ha colpito la maggior parte dei settori economici, ma ci sono alcuni settori, come quello dell'enologia, che non hanno risentito della crisi finanziaria e hanno continuato a produrre notevoli profitti. Secondo dei dati statistici provenienti direttamente dalla Coldiretti, gli occupati nel settore enologico sono cresciuti piu' del 50% negli ultimi dieci anni. La professione dell'enologo e' molto interessante, e sempre piu' giovani decidono di intraprendere un corso di studi per imparare tutte le nozioni teoriche e pratiche necessarie. Ma qual'e' il percorso di studi piu' indicato per diventare un enologo? Fortunatamente l'Italia, una delle capitali mondiali del vino, non ha problemi nell'educazione di questo settore, e per cominciare e' sufficiente iscriversi ad una facolta' universitaria di Agraria, con indirizzo "Viticoltura ed Enologia". La laurea breve da 3 anni comunque non basta per diventare un buon enologo, bisogna anche frequentare dei corsi di specializzazione, master e di aggiornamento. Oggigiorno c'e' molta concorrenza sul mercato, e per crearsi una buona posizione e' necessario studiare molto e avere anche quanti piu' contatti possibili con le Aziende Agricole. Un enologo solitamente e' un libero professionista dotato di partita IVA che offre la propria consulenza alle Aziende Agricole. L'enologo ha il compito di controllare il totale rispetto delle norme igieniche dello stabilimento, il corretto funzionamento delle macchine, la struttura dell'edificio (umidita' nell'aria, presenza di ossigeno, eccetera...), oltre a gestire personalmente le fasi del processo di trasformazione, produzione e invecchiamento del vino. La professione di enologo e' ufficialmente riconosciuta in Italia, Francia, Spagna e Svizzera, e a breve lo sara' anche in Germania, Cina, Brasile e Cile.

olivetti

Olivetti ha lanciato la prima edizione del suo Olivetti Design Contest 2016, un concorso di Industrial Design rivolto agli studenti dei più prestigiosi istituti italiani: lo scopo dell’iniziativa è conseguire un contributo originale per la realizzazione di un registratore di cassa utilizzabile in bar, esercizi di commercio al dettaglio, piccoli alimentari.

Promosso con il patrocinio di Telecom Italia, è destinato agli studenti maggiorenni di alcuni istituti con cui Olivetti ha stretto una partnership: ISIA Roma, NABA Domus Academy, Dipartimento di Architettura e Design del Politecnico di Torino – Department of Architecture and Design (DAD), Rome University of Fine Arts (RUFA).

Ricordiamo che la partecipazione è gratuita, e che i lavori verranno giudicati da una giuria che li valuterà secondo i valori di Olivetti: orientamento al cliente, innovazione, esperienza, eccellenza, proattività.

Ai primi tre progetti classificati, ricorda l’iniziativa, verrà assegnato un premio in denaro (del valore di 2.000 euro per il 1° premio, 1.500 euro per il 2° e 1.000 euro per il 3°). I finalisti avranno inoltre la possibilità di contribuire alla realizzazione dei prototipi dei prodotti progettati.

Per partecipare c’è tempo fino al 1° marzo 2016, seguendo le istruzioni qui riportate.