60 tagli di capelli corti, ecco come scegliere quello adatto a te!

Il taglio di capelli corti può ben adattarsi a qualunque tipologia di viso ma… con qualche piccolo accorgimento!

La crisi mondiale ha colpito la maggior parte dei settori economici, ma ci sono alcuni settori, come quello dell'enologia, che non hanno risentito della crisi finanziaria e hanno continuato a produrre notevoli profitti. Secondo dei dati statistici provenienti direttamente dalla Coldiretti, gli occupati nel settore enologico sono cresciuti piu' del 50% negli ultimi dieci anni. La professione dell'enologo e' molto interessante, e sempre piu' giovani decidono di intraprendere un corso di studi per imparare tutte le nozioni teoriche e pratiche necessarie. Ma qual'e' il percorso di studi piu' indicato per diventare un enologo? Fortunatamente l'Italia, una delle capitali mondiali del vino, non ha problemi nell'educazione di questo settore, e per cominciare e' sufficiente iscriversi ad una facolta' universitaria di Agraria, con indirizzo "Viticoltura ed Enologia". La laurea breve da 3 anni comunque non basta per diventare un buon enologo, bisogna anche frequentare dei corsi di specializzazione, master e di aggiornamento. Oggigiorno c'e' molta concorrenza sul mercato, e per crearsi una buona posizione e' necessario studiare molto e avere anche quanti piu' contatti possibili con le Aziende Agricole. Un enologo solitamente e' un libero professionista dotato di partita IVA che offre la propria consulenza alle Aziende Agricole. L'enologo ha il compito di controllare il totale rispetto delle norme igieniche dello stabilimento, il corretto funzionamento delle macchine, la struttura dell'edificio (umidita' nell'aria, presenza di ossigeno, eccetera...), oltre a gestire personalmente le fasi del processo di trasformazione, produzione e invecchiamento del vino. La professione di enologo e' ufficialmente riconosciuta in Italia, Francia, Spagna e Svizzera, e a breve lo sara' anche in Germania, Cina, Brasile e Cile.

capelli-corti-fotojpg

Sia che il vostro viso sia tondo, sia che sia bello quadrato, niente vi vieta di optare per un taglio di capelli corti da sfoggiare con disinvoltura in qualsiasi occasione, dalle più professionali a quelle più dedite al tempo libero.

Qualche problema in più potrebbe tuttavia sorgere nel secondo caso in introduzione, relativo al volto particolarmente “quadrato”. Di norma questo viso si contraddistingue infatti per una mascella piuttosto definita e importante, con tratti marcati che un taglio di capelli corti non adeguatamente realizzato potrebbe addirittura accentuare.

Il nostro consiglio è certamente quello di scegliere un taglio di capelli che possa ingentilire le forme più rigide, contribuendo a incrementare ulteriormente la femminilità del vostro volto. Qualche esempio? Molte donne optano per sfilature soft e per ciuffi scalati, mentre altre puntano molto sull’aspetto “da maschietto” e optano per tagli cortissimi e pixie cut piuttosto accentuati.

Considerato che a noi piacciono maggiormente i look femminili, vi consigliamo di evitare le frangette super definite o le rasature troppo nette, così come i tagli geometrici. Meglio invece andare a scegliere un bel taglio corto con scalature dolci, volume quanto basta e tanti ciuffi che possano incorniciare il propri oviso. Potete inoltre puntare su un pixie cut con rasatura ai lati: in questo caso tuttavia abbiate cura di scegliere un po’ di movimento sulla nuca.

Anche se non ci piacciono molto, potete inoltre scegliere un look androgino (fatevi consigliare dal parrucchiere per evitare disastri nel vostro hair style!): in questo caso dovreste andar giù un po’ pesanti sui cresce e ciuffi. Evitate assolutamente i tagli bombati (come i crop e i caffè), evitate le frange troppo corte o troppo piene. Cercate quindi di valorizzare il ciuffo e, come sempre, fatevi consigliare da un bravo hair stylist di fiducia che potrà porvi al riparo da errori!