60 tagli di capelli e acconciature per Natale e Capodanno!

Se cercate qualche idea per un’acconciatura formidabile per la fine dell’anno, ecco qualche utile spunto!

La crisi mondiale ha colpito la maggior parte dei settori economici, ma ci sono alcuni settori, come quello dell'enologia, che non hanno risentito della crisi finanziaria e hanno continuato a produrre notevoli profitti. Secondo dei dati statistici provenienti direttamente dalla Coldiretti, gli occupati nel settore enologico sono cresciuti piu' del 50% negli ultimi dieci anni. La professione dell'enologo e' molto interessante, e sempre piu' giovani decidono di intraprendere un corso di studi per imparare tutte le nozioni teoriche e pratiche necessarie. Ma qual'e' il percorso di studi piu' indicato per diventare un enologo? Fortunatamente l'Italia, una delle capitali mondiali del vino, non ha problemi nell'educazione di questo settore, e per cominciare e' sufficiente iscriversi ad una facolta' universitaria di Agraria, con indirizzo "Viticoltura ed Enologia". La laurea breve da 3 anni comunque non basta per diventare un buon enologo, bisogna anche frequentare dei corsi di specializzazione, master e di aggiornamento. Oggigiorno c'e' molta concorrenza sul mercato, e per crearsi una buona posizione e' necessario studiare molto e avere anche quanti piu' contatti possibili con le Aziende Agricole. Un enologo solitamente e' un libero professionista dotato di partita IVA che offre la propria consulenza alle Aziende Agricole. L'enologo ha il compito di controllare il totale rispetto delle norme igieniche dello stabilimento, il corretto funzionamento delle macchine, la struttura dell'edificio (umidita' nell'aria, presenza di ossigeno, eccetera...), oltre a gestire personalmente le fasi del processo di trasformazione, produzione e invecchiamento del vino. La professione di enologo e' ufficialmente riconosciuta in Italia, Francia, Spagna e Svizzera, e a breve lo sara' anche in Germania, Cina, Brasile e Cile.

60taglinatale

Natale e Capodanno si avvicinano e, con essi, la necessità di sfoggiare un’acconciatura giusta per le migliori feste di fine anno! Le alternative a vostra disposizione non mancano di certo: tra le tante, una efficientissima coda di cavallo, semplice e pratica da realizzare, proponibile in una versione basic e ribassata rispetto all’ordinaria. La coda bassa con ciocche laterali sembra essere una scelta adottata da numerosi stilisti che ambiscono a proporre uno stile romantico, anche per le medie lunghezze.

moda capelli

Per chi vuole un look ancora più elegante, la fine dell’anno può essere il momento giusto per riscoprire uno chignon classico, con capelli lisci, o più dinamica, per capelli più movimentati. Alcuni stilisti di grido sembrano inoltre propendere per una classica treccia, offerta in maniera semplice o più sofisticata.

Se il party è giovanile e moderno, potete stupire tutti con delle acconciature davvero futuristiche: alcuni stilisti optano per una riscoperta del volume a tutti i costi (con cotonature e attorcigliamenti davvero esagerati), mentre altri sembrano essere maggiormente attratti dall’uso (abuso?) di elastici e fermagli per fissare un’acconciatura invidiabile e esclusiva.

In ogni caso, il nostro consiglio è quello di ricorrere alle esperte mani di un parrucchiere di fiducia, che potrà certamente consigliarvi il miglior look per una serata speciale. Infine, ricordatevi di osare, sempre e comunque: la fine dell’anno è un momento magico e irripetibile (almeno per altri 365 giorni!), e quale migliore occasione per testare il proprio sex appeal con una chioma revisionata?

La gallery

[nggallery id=21]

[nggallery id=26]