Master in Tutela e gestione dei musei

Nuovo percorso formativo per la gestione dei musei: ecco come potersi candidare al master.

La crisi mondiale ha colpito la maggior parte dei settori economici, ma ci sono alcuni settori, come quello dell'enologia, che non hanno risentito della crisi finanziaria e hanno continuato a produrre notevoli profitti. Secondo dei dati statistici provenienti direttamente dalla Coldiretti, gli occupati nel settore enologico sono cresciuti piu' del 50% negli ultimi dieci anni. La professione dell'enologo e' molto interessante, e sempre piu' giovani decidono di intraprendere un corso di studi per imparare tutte le nozioni teoriche e pratiche necessarie. Ma qual'e' il percorso di studi piu' indicato per diventare un enologo? Fortunatamente l'Italia, una delle capitali mondiali del vino, non ha problemi nell'educazione di questo settore, e per cominciare e' sufficiente iscriversi ad una facolta' universitaria di Agraria, con indirizzo "Viticoltura ed Enologia". La laurea breve da 3 anni comunque non basta per diventare un buon enologo, bisogna anche frequentare dei corsi di specializzazione, master e di aggiornamento. Oggigiorno c'e' molta concorrenza sul mercato, e per crearsi una buona posizione e' necessario studiare molto e avere anche quanti piu' contatti possibili con le Aziende Agricole. Un enologo solitamente e' un libero professionista dotato di partita IVA che offre la propria consulenza alle Aziende Agricole. L'enologo ha il compito di controllare il totale rispetto delle norme igieniche dello stabilimento, il corretto funzionamento delle macchine, la struttura dell'edificio (umidita' nell'aria, presenza di ossigeno, eccetera...), oltre a gestire personalmente le fasi del processo di trasformazione, produzione e invecchiamento del vino. La professione di enologo e' ufficialmente riconosciuta in Italia, Francia, Spagna e Svizzera, e a breve lo sara' anche in Germania, Cina, Brasile e Cile.

gestione-musei

C’è ancora tempo – fino al 1° ottobre – per potersi iscrivere al master in Tutela e gestione di musei e collezioni di beni naturalistici e storico-scientifici organizzato dall’università degli studi di Siena.

In particolare, l’ente rende noto che il master si terrà nella città toscana dal 20 ottobre 2015 al 20 febbraio 2017, affronterà gli argomenti introduttivi e altri specifici per la formazione di figure direttive nei musei. Tra gli argomenti trattati ci sono la tutela e la catalogazione dei beni scientifici, la comunicazione, il marketing e l’organizzazione delle esposizioni, gli aspetti educativi e didattici e, soprattutto, quelli economici, gestionali e organizzativi dei musei.

Gli argomenti verranno adeguatamente approfonditi all’interno di 16 mesi di corso, con un taglio pratico, basato su una conoscenza diretta delle collezioni, degli allestimenti, delle esperienze didattiche messe a punto da anni nei musei dell’università di Siena, dove possono svolgersi anche gli stage.

Leggi anche: 31 posti di lavoro nei musei della provincia di Foggia

Il quotidiano Italia Oggi ricorda come il sistema museale di ateneo, che organizza il master e altre attività di formazione, anche con progetti realizzati insieme alle scuole, raccoglie infatti otto musei universitari di ambiti disciplinari diversi, soprattutto scientifici, che rappresentano il risultato tangibile di secoli di studio, ricerca, didattica e divulgazione in una delle più antiche università europee. Ne fanno parte, tra gli altri, il Centro per la salvaguardia delle collezioni storico-scientifiche dell’ateneo senese, con la sua collezione di strumenti medici antichi e la vetreria scientifica, l’Orto botanico, il Museo nazionale dell’Antartide e il museo anatomico.

È di particolare interesse, aggiunge ancora, il rapporto del Sistema museale dell’università di Siena con l’Istituto centrale del Catalogo e della Documentazione (Iccd), struttura del Ministero dei beni e delle attività culturali deputata alla tutela, salvaguardia e valorizzazione attraverso la catalogazione. Dirigenti e operatori dell’Istituto saranno pertanto responsabili di un modulo destinato proprio alla formazione degli iscritti al master relativamente alla catalogazione con schede ministeriali.

Per poter disporre di maggiori informazioni e procedere con l’iscrizione consigliamo di consultare la seguente pagina di riferimento.