Alcuni trucchi per velocizzare il browser Google Chrome

La crisi mondiale ha colpito la maggior parte dei settori economici, ma ci sono alcuni settori, come quello dell'enologia, che non hanno risentito della crisi finanziaria e hanno continuato a produrre notevoli profitti. Secondo dei dati statistici provenienti direttamente dalla Coldiretti, gli occupati nel settore enologico sono cresciuti piu' del 50% negli ultimi dieci anni. La professione dell'enologo e' molto interessante, e sempre piu' giovani decidono di intraprendere un corso di studi per imparare tutte le nozioni teoriche e pratiche necessarie. Ma qual'e' il percorso di studi piu' indicato per diventare un enologo? Fortunatamente l'Italia, una delle capitali mondiali del vino, non ha problemi nell'educazione di questo settore, e per cominciare e' sufficiente iscriversi ad una facolta' universitaria di Agraria, con indirizzo "Viticoltura ed Enologia". La laurea breve da 3 anni comunque non basta per diventare un buon enologo, bisogna anche frequentare dei corsi di specializzazione, master e di aggiornamento. Oggigiorno c'e' molta concorrenza sul mercato, e per crearsi una buona posizione e' necessario studiare molto e avere anche quanti piu' contatti possibili con le Aziende Agricole. Un enologo solitamente e' un libero professionista dotato di partita IVA che offre la propria consulenza alle Aziende Agricole. L'enologo ha il compito di controllare il totale rispetto delle norme igieniche dello stabilimento, il corretto funzionamento delle macchine, la struttura dell'edificio (umidita' nell'aria, presenza di ossigeno, eccetera...), oltre a gestire personalmente le fasi del processo di trasformazione, produzione e invecchiamento del vino. La professione di enologo e' ufficialmente riconosciuta in Italia, Francia, Spagna e Svizzera, e a breve lo sara' anche in Germania, Cina, Brasile e Cile.

8

Google Chrome, browser web sviluppato dal team Google, in fase di lancio ha stupito tutti per la sua velocità di navigazione, conquistando milioni di utenti che ancora oggi sono pienamente soddisfatti della loro scelta.

E’ normale (avviene infatti con tutti i browser) che un utilizzo costante del browser porti ad un rallentamento dello stesso. In questo caso è sufficiente seguire delle semplici procedure per permettere a Google Chrome di tornare scattante come un tempo.

In questo articolo viene mostrato come velocizzare Google Chrome, con delle procedure semplicissime, applicabili anche dagli utenti meno esperti e poco pratici di pc.

Vediamo insieme il metodo più semplice per velocizzare Google Chrome e navigare rapidamente in rete:

  • Aprire Google Chrome.
  • Scrivere chrome://flags nella barra degli indirizzi del browser e successivamente premere il tasto Invio.
  • Individuare la voce Compositing tramite GPU su tutte le pagine, tra le tante mostrate, ed attivarla.
  • Individuare la voce Composizione con thread ed attivarla.

Attivando queste due voci dalla pagina associata a chrome://flags il browser acquisterà velocità di navigazione, tornando alle prestazioni che vi sono state offerte appena dopo il primo download del browser, tornando ovvero alle prestazioni di navigazione iniziali.

E’ stato calcolato che attivando entrambe le voci indicate è possibile ridurre il tempo di apertura di una pagina web da un minimo di 0,5 secondi ad un massimo di ben 2 secondi.

Un altro consiglio utile per chi desidera capire come velocizzare Google Chrome è disattivare l’invio automatico delle statistiche di utilizzo a Google. Si procede in questo modo:

  • Aprire Google Chrome.
  • Scrivere chrome://settings nella barra degli indirizzi del browser e successivamente premere il tasto Invio.
  • Scorrere la pagina e fare click sull’ultima voce in basso, ovvero Mostra impostazioni avanzate.
  • Togliere il segno di spunta alla voce Invia automaticamente a Google statistiche sull’utilizzo e segnalazioni sugli arresti anomali.

Disattivando l’invio delle statistiche a Google è possibile rendere ancora più rapida la navigazione in rete.