Tutti i vantaggi di una copertura isotermica per la piscina

Durante tutto l’anno le coperture sono accessori fondamentali per avere una piscina efficiente, funzionale e sicura per tutta la tua famiglia.

La crisi mondiale ha colpito la maggior parte dei settori economici, ma ci sono alcuni settori, come quello dell'enologia, che non hanno risentito della crisi finanziaria e hanno continuato a produrre notevoli profitti. Secondo dei dati statistici provenienti direttamente dalla Coldiretti, gli occupati nel settore enologico sono cresciuti piu' del 50% negli ultimi dieci anni. La professione dell'enologo e' molto interessante, e sempre piu' giovani decidono di intraprendere un corso di studi per imparare tutte le nozioni teoriche e pratiche necessarie. Ma qual'e' il percorso di studi piu' indicato per diventare un enologo? Fortunatamente l'Italia, una delle capitali mondiali del vino, non ha problemi nell'educazione di questo settore, e per cominciare e' sufficiente iscriversi ad una facolta' universitaria di Agraria, con indirizzo "Viticoltura ed Enologia". La laurea breve da 3 anni comunque non basta per diventare un buon enologo, bisogna anche frequentare dei corsi di specializzazione, master e di aggiornamento. Oggigiorno c'e' molta concorrenza sul mercato, e per crearsi una buona posizione e' necessario studiare molto e avere anche quanti piu' contatti possibili con le Aziende Agricole. Un enologo solitamente e' un libero professionista dotato di partita IVA che offre la propria consulenza alle Aziende Agricole. L'enologo ha il compito di controllare il totale rispetto delle norme igieniche dello stabilimento, il corretto funzionamento delle macchine, la struttura dell'edificio (umidita' nell'aria, presenza di ossigeno, eccetera...), oltre a gestire personalmente le fasi del processo di trasformazione, produzione e invecchiamento del vino. La professione di enologo e' ufficialmente riconosciuta in Italia, Francia, Spagna e Svizzera, e a breve lo sara' anche in Germania, Cina, Brasile e Cile.

copertura

Anche nella bella stagione, coprire l’impianto nei momenti di non utilizzo è utile per evitare l’accumularsi della sporcizia e per mantenere lo stato e il livello dell’acqua intatti. Se la struttura non viene mantenuta correttamente con le dovute cure e attenzioni, infatti, i costi di gestione possono lievitare e le normali attività per mantenerla pulita richiedere molto più tempo.

Grazie ad una semplice operazione, invece, puoi risparmiare fatica e denaro e avere più ore a disposizione per rilassarti e divertirti insieme ai tuoi cari.

Le coperture isotermiche: perfette per l’estate

Oggi si trovano coperture in grado di soddisfare qualsiasi gusto ed esigenza. Ogni tipologia di copertura risponde a un determinato bisogno. Così, ci sono le coperture studiate apposta per prolungare la stagione dei bagni e quelle per proteggere la struttura dai freddi invernali.

Le coperture isotermiche per piscina sono, invece, modelli pensati proprio per essere sfruttati nel periodo estivo. Leggere e resistenti, sono molto funzionali, ideali per essere posizionate e rimosse anche più volte al giorno. Per agevolarne l’utilizzo, sono dotate di un avvolgitelo telescopico manuale che consente di svolgerle e riavvolgerle con grande facilità.

Esistono due tipologie di isotermiche, a schiuma multistrato o a bolle d’aria:

– Le coperture a bolle d’aria offrono il miglior rapporto possibile qualità/prezzo. Sono costituite da fogli di polietilene con estrusione di bolle d’aria. Il loro principale scopo è quello di contrastare il fenomeno dell’evaporazione e di riscaldare l’acqua facendo passare le radiazioni attraverso lo strato semi-trasparente.

– Le coperture a schiuma multistrato rappresentano il top della gamma. Sono adatte a qualsiasi tipo di impianto, sia di medie che di grandi dimensioni. Assicurano massima coibentazione e impediscono al vapore acqueo di disperdersi nell’aria. Formate da una mousse di polietilene a cellula chiusa, sono molto resistenti all’azione dei raggi solari, alle intemperie e agli strappi.

Coperture isotermiche: quali sono in vantaggi?

In estate, quando la piscina deve essere sempre in ottimo stato, la copertura isotermica consente di prevenire l’accumulo di sporcizia e di mantenere inalterato lo stato dell’acqua, risparmiando energia idrica, elettrica e sostanze chimiche. Ecco come.

– La copertura isotermica contrasta l’evaporazione dell’acqua e ti evita continui rabbocchi. Le alte temperature delle ore diurne, infatti, provocano la veloce evaporazione della superficie del liquido. La copertura trattiene il vapore acqueo, che non appena il sole si abbassa, si trasforma in condensa e precipita nuovamente all’interno della struttura.

– Coibenta la struttura, trattenendo il calore durante la notte e anche durante il giorno. Lo strato di polietilene permette ai raggi di passare e riscaldare l’acqua in modo del tutto naturale, provocando una sorta di effetto-serra in miniatura.

– I raggi UV, quando sono particolarmente forti, possono distruggere le molecole di cloro e alterare lo stato dell’acqua, costringendoti ad aggiungere prodotti chimici per la disinfezione. La copertura contrasta questo processo e mantiene i valori del liquido inalterati.

– Impedisce a foglie, insetti e altri microrganismi di cadere all’interno dell’impianto, inficiandone la pulizia.

La copertura isotermica offre un’ottima qualità ad un giusto prezzo ed è perfetta per proteggere la tua piscina durante i mesi di utilizzo, così avrai più tempo da trascorrere a divertirti assieme a chi vuoi tu.