Offerte di lavoro nelle cucine Ikea e nelle mense aziendali

Camst e Ikea cercano nuovo personale da introdurre all’interno delle proprie cucine: ecco le istruzioni per poter avanzare la propria candidature inviando un curriculum vitae aggiornato.

La crisi mondiale ha colpito la maggior parte dei settori economici, ma ci sono alcuni settori, come quello dell'enologia, che non hanno risentito della crisi finanziaria e hanno continuato a produrre notevoli profitti. Secondo dei dati statistici provenienti direttamente dalla Coldiretti, gli occupati nel settore enologico sono cresciuti piu' del 50% negli ultimi dieci anni. La professione dell'enologo e' molto interessante, e sempre piu' giovani decidono di intraprendere un corso di studi per imparare tutte le nozioni teoriche e pratiche necessarie. Ma qual'e' il percorso di studi piu' indicato per diventare un enologo? Fortunatamente l'Italia, una delle capitali mondiali del vino, non ha problemi nell'educazione di questo settore, e per cominciare e' sufficiente iscriversi ad una facolta' universitaria di Agraria, con indirizzo "Viticoltura ed Enologia". La laurea breve da 3 anni comunque non basta per diventare un buon enologo, bisogna anche frequentare dei corsi di specializzazione, master e di aggiornamento. Oggigiorno c'e' molta concorrenza sul mercato, e per crearsi una buona posizione e' necessario studiare molto e avere anche quanti piu' contatti possibili con le Aziende Agricole. Un enologo solitamente e' un libero professionista dotato di partita IVA che offre la propria consulenza alle Aziende Agricole. L'enologo ha il compito di controllare il totale rispetto delle norme igieniche dello stabilimento, il corretto funzionamento delle macchine, la struttura dell'edificio (umidita' nell'aria, presenza di ossigeno, eccetera...), oltre a gestire personalmente le fasi del processo di trasformazione, produzione e invecchiamento del vino. La professione di enologo e' ufficialmente riconosciuta in Italia, Francia, Spagna e Svizzera, e a breve lo sara' anche in Germania, Cina, Brasile e Cile.

lavoro mensa

Se la cucina è il vostro habitat naturale, a vostra disposizione ci sono alcuni posti di lavoro davvero appetibili.

Ikea, uno dei nomi più noti della grande distribuzione, sta ad esempio cercando un aiuto cuoco da assumere a tempo pieno nella sede di Piacenza. Il suo compito sarà quello di affiancare e supportare il cuoco nella preparazione del menu del giorno e assicurare la corretta gestione del prodotto nel reparto mensa, con particolare riferimento agli aspetti di sicurezza, secondo gli standard aziendali.

Per tale motivo viene richiesta una comprovata esperienza nel settore catering, food and beverage e ristorazione commerciale in ruoli analoghi, conoscenza di base del sistema di autocontrollo igienico al fine di prevenire i pericoli di contaminazione alimentare (HACCP). Sono necessarie altresì capacità relazionali, praticità, velocità di esecuzione, forte motivazione, senso del team e passione per la gastronomia.

Qui è possibile candidarsi per un posto di aiuto cuoco in Ikea.

Contemporaneamente, il gruppo Camst, uno degli operatori più attivi nel campo della ristorazione collettiva, con oltre 20 società presenti in Italia e all’estero, sta cercando dei cuochi per la cittadella politecnica di Torino. Per tale ruolo è richiesta esperienza nella ristorazione commerciale, diploma di Istituto alberghiero nel settore cucina, competenza, flessibilità, autonomia e capaci di lavorare in gruppo anche in condizioni di forte stress, capacità di problem solving e orientamento alla soddisfazione del cliente. Costituisce invece un titolo preferenziale la conoscenza di lingue straniere come l’inglese, il francese e lo spagnolo.

Stando a quanto comunicato dalla società, la risorsa farà parte di un team di cuochi e avrà la responsabilità di preparare i piatti che compongono il menu del giorno. Viene offerto un contratto a tempo indeterminato di 40 ore settimanali, dal lunedì alla domenica, con servizio a pranzo e a cena.

La società cerca altresì un cuoco per ristorante aziendale di Milano. Per candidature ad entrambe le posizioni, è possibile fare riferimento a questo collegamento.