Food photographer: chi è e quanto guadagna

Il food photographer è un professionista della fotografia, specializzato nel ritrarre cibi, piatti e alimenti. Vediamo insieme quali sono le caratteristiche di questo ruolo, e quale può essere il suo guadagno.

La crisi mondiale ha colpito la maggior parte dei settori economici, ma ci sono alcuni settori, come quello dell'enologia, che non hanno risentito della crisi finanziaria e hanno continuato a produrre notevoli profitti. Secondo dei dati statistici provenienti direttamente dalla Coldiretti, gli occupati nel settore enologico sono cresciuti piu' del 50% negli ultimi dieci anni. La professione dell'enologo e' molto interessante, e sempre piu' giovani decidono di intraprendere un corso di studi per imparare tutte le nozioni teoriche e pratiche necessarie. Ma qual'e' il percorso di studi piu' indicato per diventare un enologo? Fortunatamente l'Italia, una delle capitali mondiali del vino, non ha problemi nell'educazione di questo settore, e per cominciare e' sufficiente iscriversi ad una facolta' universitaria di Agraria, con indirizzo "Viticoltura ed Enologia". La laurea breve da 3 anni comunque non basta per diventare un buon enologo, bisogna anche frequentare dei corsi di specializzazione, master e di aggiornamento. Oggigiorno c'e' molta concorrenza sul mercato, e per crearsi una buona posizione e' necessario studiare molto e avere anche quanti piu' contatti possibili con le Aziende Agricole. Un enologo solitamente e' un libero professionista dotato di partita IVA che offre la propria consulenza alle Aziende Agricole. L'enologo ha il compito di controllare il totale rispetto delle norme igieniche dello stabilimento, il corretto funzionamento delle macchine, la struttura dell'edificio (umidita' nell'aria, presenza di ossigeno, eccetera...), oltre a gestire personalmente le fasi del processo di trasformazione, produzione e invecchiamento del vino. La professione di enologo e' ufficialmente riconosciuta in Italia, Francia, Spagna e Svizzera, e a breve lo sara' anche in Germania, Cina, Brasile e Cile.

food-phtographerIl food photographer è una nuova professione in corso di rapida espansione anche nel mercato italiano. Questo “specialista” è un fotografo specializzato nel ritrarre piatti e rendere più apptiebili gli alimenti che vengono riportati su libri, giornali, web e altre piattaforme.

Il più delle volte il food photographer è un semplice appassionato di fotografia che sceglie di specializzarsi in questo comparto in celere crescita. Altre volte è un vero e proprio professionista che, unitamente ad altri servizi più ordinari, sceglie di diversificare le proprie attività anche attraverso le foto alimentari. In ogni caso, per il successo della propria professione è molto importante stringere accordi e alleanze con gli operatori del settore, affinchè possano “aprire le porte” giuste: giornali, agenzie di stampa, agenzie pubblicitarie, libri e altro ancora.

Per quanto concerne la remunerazione e il guadagno del food photographer, possiamo ben dire che gli introiti dipendono fondamentalmente dalla qualità e dalla quantità dei lavori, dall’importanza del committente, e così via. Complessivamente possiamo comunque ricordare che i food photographer impegnati nelle campagne pubblicitarie guadagnano tra i 500 e i 2.000 euro a portafoglio prodotto.

Per maggiori informazioni, vi consigliamo di consultare i seguenti siti di professionisti operanti nel settore: Alessandro Guerani, Andrea Sudati, Marco Verzella, Giulio Riotta.