Lavorare come bagnino: tutto quello che c’è da sapere

Il bagnino è una delle professioni più gettonate dell’estate. Vediamo allora quali sono le sue mansioni, quali i requisiti da possedere, e in che modo poter ottenere il brevetto.

La crisi mondiale ha colpito la maggior parte dei settori economici, ma ci sono alcuni settori, come quello dell'enologia, che non hanno risentito della crisi finanziaria e hanno continuato a produrre notevoli profitti. Secondo dei dati statistici provenienti direttamente dalla Coldiretti, gli occupati nel settore enologico sono cresciuti piu' del 50% negli ultimi dieci anni. La professione dell'enologo e' molto interessante, e sempre piu' giovani decidono di intraprendere un corso di studi per imparare tutte le nozioni teoriche e pratiche necessarie. Ma qual'e' il percorso di studi piu' indicato per diventare un enologo? Fortunatamente l'Italia, una delle capitali mondiali del vino, non ha problemi nell'educazione di questo settore, e per cominciare e' sufficiente iscriversi ad una facolta' universitaria di Agraria, con indirizzo "Viticoltura ed Enologia". La laurea breve da 3 anni comunque non basta per diventare un buon enologo, bisogna anche frequentare dei corsi di specializzazione, master e di aggiornamento. Oggigiorno c'e' molta concorrenza sul mercato, e per crearsi una buona posizione e' necessario studiare molto e avere anche quanti piu' contatti possibili con le Aziende Agricole. Un enologo solitamente e' un libero professionista dotato di partita IVA che offre la propria consulenza alle Aziende Agricole. L'enologo ha il compito di controllare il totale rispetto delle norme igieniche dello stabilimento, il corretto funzionamento delle macchine, la struttura dell'edificio (umidita' nell'aria, presenza di ossigeno, eccetera...), oltre a gestire personalmente le fasi del processo di trasformazione, produzione e invecchiamento del vino. La professione di enologo e' ufficialmente riconosciuta in Italia, Francia, Spagna e Svizzera, e a breve lo sara' anche in Germania, Cina, Brasile e Cile.

bagnino

Vero e proprio “simbolo” del lavoro estivo, la professione del bagnino è un mestiere particolarmente richiesto da stabilimenti balneari, strutture ricettive, parchi di divertimento e tanto altro ancora. Ma come diventare un buon bagnino e potersi così candidare efficacemente alle tante offerte di lavoro disponibili?

Cosa fa il bagnino

Innanzitutto, cerchiamo di comprendere cosa faccia il bagnino. Il suo compito fondamentale è sorvegliare lo stabilimento e gestire le emergenze balneari, andando a fornire le informazioni corrette per poter prevenire le situazioni di rischio e supportare l’educazione ai giusti comportamenti in acqua. Il bagnino deve inoltre essere pronto a relazionarsi con le Capitanerie di Porto, il 118 e altri enti preposti alla sicurezza e guardia nelle strutture di balneazione.

Dove lavora il bagnino

Il bagnino può lavorare in qualsiasi struttura nella quale vi sia uno specchio d’acqua: in spiaggia sul lungo mare, a bordo piscina, nelle aree piscine di villaggi turistici, hotel, parchi acquatici, centri spa e strutture termali.

Requisiti fondamentali

Per poter diventare bagnino occorre avere un’età compresa tra 16 e 65 anni, ottime capacità natatorie, autonomia e rapidità nelle decisioni, buona sicurezza e autostima, doti relazionali e di coordinamento del gruppo di lavoro.

Come formarsi

Per potersi formare nel migliore dei modi è possibile frequentare i corsi delle strutture che consentono di ottenere l’attestato: la Società Nazionale di Salvamento, la Federazione Italiana Salvamento Acquatico (FISA) e la Federazione Italiana Nuoto (FIN).

Brevetti per bagnino

Per fare il bagnino serve un attestato. Ecco le classificazioni:

  • brevetto P: valido solo in piscina;
  • brevetto IP: valido per le Acque Interne (laghi) e piscina;
  • brevetto MIP: valido per il mare, le Acque Interne e la piscina.

Il brevetto ha una durata pari a due anni e il costo di rinnovo è pari a circa 50 euro.