Lavorare Con I Bambini : Aprire Una Ludoteca

La crisi mondiale ha colpito la maggior parte dei settori economici, ma ci sono alcuni settori, come quello dell'enologia, che non hanno risentito della crisi finanziaria e hanno continuato a produrre notevoli profitti. Secondo dei dati statistici provenienti direttamente dalla Coldiretti, gli occupati nel settore enologico sono cresciuti piu' del 50% negli ultimi dieci anni. La professione dell'enologo e' molto interessante, e sempre piu' giovani decidono di intraprendere un corso di studi per imparare tutte le nozioni teoriche e pratiche necessarie. Ma qual'e' il percorso di studi piu' indicato per diventare un enologo? Fortunatamente l'Italia, una delle capitali mondiali del vino, non ha problemi nell'educazione di questo settore, e per cominciare e' sufficiente iscriversi ad una facolta' universitaria di Agraria, con indirizzo "Viticoltura ed Enologia". La laurea breve da 3 anni comunque non basta per diventare un buon enologo, bisogna anche frequentare dei corsi di specializzazione, master e di aggiornamento. Oggigiorno c'e' molta concorrenza sul mercato, e per crearsi una buona posizione e' necessario studiare molto e avere anche quanti piu' contatti possibili con le Aziende Agricole. Un enologo solitamente e' un libero professionista dotato di partita IVA che offre la propria consulenza alle Aziende Agricole. L'enologo ha il compito di controllare il totale rispetto delle norme igieniche dello stabilimento, il corretto funzionamento delle macchine, la struttura dell'edificio (umidita' nell'aria, presenza di ossigeno, eccetera...), oltre a gestire personalmente le fasi del processo di trasformazione, produzione e invecchiamento del vino. La professione di enologo e' ufficialmente riconosciuta in Italia, Francia, Spagna e Svizzera, e a breve lo sara' anche in Germania, Cina, Brasile e Cile.

Se vi piace lavorare con i bambini allora quello di aprire una ludoteca può essere un consiglio utile e una scelta davvero importante.

La ludoteca è un luogo stimolante, che ha lo scopo di aiutare i bambini nella socializzazione. E’ un luogo dove i bambini possono giocare e svolgere attività interessanti.

lavorare con i bambini

Si tratta dunque di un luogo sociale che nasce come punto di incontro per i bambini. Aprire una ludoteca può rivelarsi un’esperienza stimolante e molto intensa dal punto di vista umano.

Quale migliore modo per guadagnarsi da vivere se non giocando con i bambini?

Lavorare con i bambini è  formativo, dai bambini si impara moltissimo. Il loro modo di vedere la realtà è stupefacente. I bambini sono destrutturati e questo offre loro la possibilità di guardare al mondo che ci circonda con occhi completamente diversi dai nostri.

Lavorare con i bambini significa dunque aiutarli a crescere e seguirli nel loro percorso formativo attraverso una delle attività più importanti per i piccoli: il gioco.

Come deve essere strutturata una ludoteca?

Una ludoteca in genere si rivolge a bambini che hanno dai 3 ai 12 anni. Al suo interno è possibile strutturare degli spazi appositi e divisi per fascia d’età. Una ludoteca può essere l’occasione giusta per predisporre un luogo dove i bambini non siano semplicemente “parcheggiati”, ma un posto dove offrire loro esperienze di crescita attraverso il gioco.

Innanzitutto è necessario avere a disposizione lo spazio giusto. Una stanza grande divisa in più ambienti, meglio se a piano terra, con un po’ di giardino, dove poter mettere anche dei giochi per i piccoli.

Una ludoteca deve avere uno spazio per l’accoglienza e un’area apposita per la segreteria, oltre allo spazio che deve essere esclusivamente adibito al gioco.

Chi ama lavorare con i bambini troverà uno sbocco naturale alle proprie inclinazioni nell’aprire una ludoteca.

E’ necessario che la ludoteca sia attrezzata con tutti i materiali necessari per il gioco: dai colori ai fogli, dalla plastilina a materiali naturali.

Aprire una ludoteca non significa tenere i bambini in quel luogo in maniera passiva, ma bisogna stimolarli e accompagnarli nella crescita.

Aprire una ludoteca: riferimenti normativi e requisiti professionali

Le norme per aprire una ludoteca possono variare da una Regione all’altra per questo è bene informarsi presso il Comune di appartenenza.

In linea generale si può dire che la legge regola i metri quadrati di spazio che l’utente deve avere a disposizione. Bisogna poi rispettare alcuni vincoli che riguardano le barriere architettoniche.

La legge prevede che ciascun utente debba avere a disposizione 4 metri, oltre al rispetto delle norme sulle barriere architettoniche previste dalla legge n. 104 del 1992.

Per ciò che concerne il personale, non ci sono requisiti professionali specifici per lavorare in una ludoteca, ma è necessaria la passione per questo lavoro.

I genere che sceglie di aprire una ludoteca ha frequentato studi sociali, una formazione specifica potrà rivelarsi sicuramente di grandissimo aiuto.

Ci sono anche dei corsi di formazione professionale che possono rivelarsi molto utili, quali quelli di tecnico di ludoteca o di assistenti all’infanzia.