Animali si fingono morti: prove di recitazione davvero straordinarie! [VIDEO]

Una carrellata di cani, gatti, criceti, delfini e tanti altri animali che… si fingono morti davanti al loro padrone: guardate che prove di recitazione straordinaria!

La crisi mondiale ha colpito la maggior parte dei settori economici, ma ci sono alcuni settori, come quello dell'enologia, che non hanno risentito della crisi finanziaria e hanno continuato a produrre notevoli profitti. Secondo dei dati statistici provenienti direttamente dalla Coldiretti, gli occupati nel settore enologico sono cresciuti piu' del 50% negli ultimi dieci anni. La professione dell'enologo e' molto interessante, e sempre piu' giovani decidono di intraprendere un corso di studi per imparare tutte le nozioni teoriche e pratiche necessarie. Ma qual'e' il percorso di studi piu' indicato per diventare un enologo? Fortunatamente l'Italia, una delle capitali mondiali del vino, non ha problemi nell'educazione di questo settore, e per cominciare e' sufficiente iscriversi ad una facolta' universitaria di Agraria, con indirizzo "Viticoltura ed Enologia". La laurea breve da 3 anni comunque non basta per diventare un buon enologo, bisogna anche frequentare dei corsi di specializzazione, master e di aggiornamento. Oggigiorno c'e' molta concorrenza sul mercato, e per crearsi una buona posizione e' necessario studiare molto e avere anche quanti piu' contatti possibili con le Aziende Agricole. Un enologo solitamente e' un libero professionista dotato di partita IVA che offre la propria consulenza alle Aziende Agricole. L'enologo ha il compito di controllare il totale rispetto delle norme igieniche dello stabilimento, il corretto funzionamento delle macchine, la struttura dell'edificio (umidita' nell'aria, presenza di ossigeno, eccetera...), oltre a gestire personalmente le fasi del processo di trasformazione, produzione e invecchiamento del vino. La professione di enologo e' ufficialmente riconosciuta in Italia, Francia, Spagna e Svizzera, e a breve lo sara' anche in Germania, Cina, Brasile e Cile.

cane-finge-morto

Da qualche tempo gira sul web uno straordinario filmato che ci mostra alcuni animali che si fingono morti “a comando”. Dai cani ai gatti, passando per i criceti (e tanto altro!) questi animali da compagnia riusciranno a dar seguito a delle prove d’attore davvero fenomenali.

Certo è che la prova di recitazione non è gratuita: gli animali attenderanno la lauta ricompensa, rappresentata da una crocchetta per cani e gatti, o da un pesciolino per il delfino che sa fingersi morto in seguito a un immaginario colpo di pistola.

Un filmato che vi consigliamo di guardare e di commentare: non trovate che sia semplicemente formidabile? E voi avete degli animali che sono stati “ammaestrati” per compiere dei particolari gesti? Raccontateci le vostre esperienze in compagnia degli animali domestici, e suggeriteci altri video o altre foto di animali che volete condividere con tutta la community di iJobs!